Tutte le news
Software

Cyber-attacchi, mai più.

Immagine

Gli scienziati dell'Istituto nazionale di ottica del Cnr, del Lens di Firenze, dell'Inrim di Torino, e dell’Università Tecnica della Danimarca, hanno unito le forze per dare avvio ad una rivoluzione in termini di sicurezza nazionale dei dati.

È stato testato e studiato, con successo, un sistema sicuro di comunicazione quantistica, che garantirà una rete nazionale più sicura. La prova è stata effettuata utilizzando come canale di trasmissione una fibra ottica installata nell'area metropolitana di Firenze. Le informazioni hanno viaggiato lungo una porzione di 40 chilometri della dorsale in fibra ottica realizzata dall'Inrim, che si estende per 1.800 chilometri da Torino a Matera.

Il test è stato il primo passo verso una futura realizzazione dell'Italian quantum backbone (Iqb), ovvero la rete italiana di comunicazione quantistica. L’obiettivo finale è quello di garantire una rete a prova di cyber-attacchi.

Oramai fa parte della nostra quotidianità, e lo sarà sempre più, utilizzare algoritmi e dispositivi crittografici per pagare online in maniera sicura, accedere a banche e siti web o aprire le porte di casa con un radiocomando. La protezione crittografica basata sui chiavi tradizionali, però, sarà messa in crisi dall’avvento dei computer quantistici. Questo porta all’urgenza della ricerca di metodi nuovi di comunicazione e metodi di crittografia a prova di questa nuova generazione di computer.

Cercando di semplificare: le tecniche crittografiche si dividono tra simmetriche ed asimmetriche. Le prime necessitano di una chiave di cifratura precedentemente condivisa tra gli utenti che si sono accordati per scambiarsele, le altre invece dell’utilizzo di una coppia di chiavi per ciascun utente, una privata e una che viene resa pubblica e che è alla base di tutte le transazioni quotidiane senza la necessità di disporre di un canale di comunicazione privato per veicolare le chiavi segrete.

La distribuzione quantistica di chiavi permessa dal nuovo backbone del Cnr, invece, permetterà di scambiare chiavi segrete in maniera sicura, su canale privato a prova di intercettazione.

Torna su